16-007 Cisterne per la raccolta di acqua piovana

Un progetto nato in Sud America dove i mesi di piogge intense si alternano a mesi di grave siccità. Tullio Fabbro, volontario friulano, una volta venuto a conoscenza e imparate le tecniche di realizzazione di queste cisterne in cemento utili a raccogliere l’acqua piovana, ha cominciato il suo impegno nella promozione e divulgazione di questa possibilità.

 
 
Tullio Fabbro e la volontaria Giuliana Tavoschi con i ragazzi al lavoro per costruire la prima cisterna
 
Un progetto nato in Sud America dove i mesi di piogge intense si alternano a mesi di grave siccità. Tullio Fabbro, volontario friulano, una volta venuto a conoscenza e imparate le tecniche di realizzazione di queste cisterne in cemento utili a raccogliere l’acqua piovana, ha cominciato il suo impegno nella promozione e divulgazione di questa possibilità. Per la prima volta nel giugno 2016 Tullio sbarca in Africa provando a realizzare un progetto pilota. Non poche le difficoltà ma le soddisfazioni poi si sono rivelate di uguale entità.
Dopo aver costruito la prima cisterna pilota coadiuvato dai giovani più interessati all’apprendimento di questa tecnica, in una sorta di training on the job, il lavoro è proseguito speditamente e i giovani hanno potuto mettere in pratica ancor più autonomamente la costruzione della seconda cisterna.
L’iniziativa ha riscosso un tale successo che i villaggi vicini hanno già avanzato le proprie richieste e stiamo pensando di sostenere l’iniziativa di alcuni giovani meritevoli nel costituire un’apposita impresa realizzando il duplice scopo di sviluppare l’economia e il lavoro giovanile e al contempo soddisfare i bisogni di acqua pulita per il bestiame e per i campi delle comunità interessate.