Rafforzamento della Diocesi di Emdibir

N° prog. PAESE LOCALITÁ PROGETTO REFERENTE IMPORTO FINANZIATO
00007/2014 Etiopia Emdibir Rafforzamento delle comunicazioni, della logistica e del coordinamento della diocesi di Emdibir Abba Teshome Fikre – Diretore EmCS € 8.065,94

Un volontario effettua alcuni interventi di manutenzione sui veicoli in dotazione alla Diocesi

Il Progetto nasce per rispondere a un’esigenza di funzionalità tecnico – operativa di tutte le strutture della Diocesi di Emdibir. Da una verifica da noi effettuata sul Terri

torio all’inizio del 2014 è emerso che il complesso delle strutture sanitarie e scolastiche della Diocesi (7 cliniche, 2 ospedali, 47 scuole) è fortemente a rischio sotto il profilo del deperimento strutturale per mancanza quasi totale di manutenzione. Sono molti gli edifici che abbisognano di manutenzione ordinaria e straordinaria. Alcuni Servizi rischiano l’interruzione per scarsa agibilità dei locali. La situazione attuale in ordine alla mancata manutenzione è preoccupante, ma rischia di diventare ingestibile se non affrontata presto ed in modo adeguato. Pochi sono i fondi disponibili per gli stabili sanitari ed ancor più limitati quelli per l’ambito scolastico. Non esiste del personale specializzato per assolvere anche ai più banali interventi di manutenzione. A questo si aggiunga una grande difficoltà di comunicazione tra “strutture” decentrate e sede della Diocesi, ma anche tra la Diocesi e le Associazioni Occidentali (soprattutto italiane) che hanno finanziato e finanziano le varie opere. Anche la gestione dei medicinali nelle varie cliniche soffre di problemi legati alla frammentazione degli acquisti ed agli alti costi che questa comporta. Da qui il nostro Progetto che prevede la creazione di un magazzino centrale sito presso il compound della Diocesi ad Emdibir, magazzino funzionale per tutto ciò che concerne i materiali per la manutenzione delle varie strutture, ma anche per quanto riguarda l’acquisto e distribuzione programmata dei vari farmaci necessari alle cliniche della Diocesi, con conseguente risparmio economico per queste ultime e, prima ancora, con la certezza della disponibilità immediata dei prodotti “salva vita”. Il Progetto prevede inoltre un Responsabile coordinatore tecnico e una serie di suoi collaboratori manutentori. C’è poi un potenziamento dei sistemi di comunicazione, compreso un migliore flusso di informazioni tra “servizi” e “eparchia” e tra “eparchia” e “Finanziatori”.

Il progetto in loco è gestito da Luigi Facchin, un volontario di Vicenza permanentemente presente ad Emdibir che coordina e gestisce le attività del Centro Servizi.

Il Progetto ha la durata triennale ed è finanziato per la maggior parte da fondi della CEI e cofinanziato da Missiòn Onlus ed altre sei Associazioni Italiane e terminerà nel marzo 2018. Dopo la rendicontazione si valuterà se riproporre il progetto a qualche finanziatore per dare continuità alle attività del Centro Servizi.