14/2019 – St. Dominic Domestic Center di Balikumbat

14/2019
Paese Cameroun Località Balikumbat
Responsabile e Referente Suor Jozepha Endzeba

Suor Tarcisia Santarossa

Titolo St. Dominic Domestic Center di Balikumbat

 

Contesto locale:

Balikumbat (popolo della collina) è un villaggio della provincia di Bamenda, Divisione Ngoketunjia della Regione Nord Ovest del Camerun a circa 29 km. dalla città di Ndop. Con oltre 10.000 abitanti, è situata ad un’altitudine di 1.276 metri s.l.m.

È anche la sede di una “chefferie traditionelle” ovvero di micro-stato sotto l’autorità di un capo tradizionale garante dell’autorità consuetudinaria religiosa e spirituale dell’etnia e che amministra anche la giustizia. Il popolo di Balikumbat è diventato famoso in Camerun e nel mondo per il suo leader “super naturale” Fon Doh Ggahgwanyin III° sindaco dal 1977 al 2012. Leader molto dinamico e amante dello sviluppo, ha aperto scuole primarie in tutti i quartieri del villaggio e scuole secondarie nei quartieri principali, ha fornito di condutture per acqua ed elettricità alcune aree del villaggio e ha favorito lo sport del calcio.

Balikumbat fa parte dell’Ambazonia, ovvero della Repubblica separatista anglofona autodichiaratasi a seguito delle rivolte popolari culminate con la dichiarazione di indipendenza dal Camerun nel settembre del 2017.  La guerra civile contro il governo centrale, conosciuta come guerra Ambazonia, iniziata su piccola scala, si è diffusa in un anno nella maggior parte del territorio anglofono. Entro l’estate 2019 il governo controllava le città più grandi e parte delle campagne mentre i separatisti detenevano parte della campagna e apparivano regolarmente nelle maggiori città. Questa guerra ha ucciso circa 3.000 persone e ha costretto oltre mezzo milione di persone a fuggire dalle loro case. Nonostante un primo dialogo con il governo centrale nel 2019, la guerriglia continua in modo sparso, aggravata anche dalle incursioni dei gruppi di Boko-Haran. Tutto ciò ha seminato devastazione, danneggiato e bruciato case, ucciso e deportato persone, rovinato famiglie, creato paure ecc. Ora il peggio è passato, ma è necessario ricostruire.

Il 15 gennaio del 2018 nei locali della Parrocchia, le Suore Domenicane della Beata Imelda hanno creato il Saint Dominic Domestic Center al fine di supportare le conseguenze della crisi socio politica provocata dalla guerra civile. Il Centro funziona come aiuto ai giovani che sono coloro che stati maggiormente colpiti dato che non frequentano le scuole da due anni, né hanno svolto da allora alcuna attività sociale.

Obiettivo del progetto:

Supportare il Centro multi-funzionale per ragazzi e ragazze tra i 14 e i 18 anni il cui principale obiettivo è infondere loro speranza nel futuro attraverso una formazione umana integrale. Inglese, religione (oltre alla Messa ogni giovedì si svolgono anche 30 minuti di adorazione eucaristica), educazione civica e morale, corsi di cucina, gestione domestica, cucito anche per ragazzi, ricamo e fabbricazione gioielli. corsi di computer.

La sezione maschile comprende anche corsi per elettricisti e muratori. Inoltre per tutti attività di ricreazione e gioco. I primi mesi di attività hanno entusiasmato tutti ragazzi e genitori, che hanno espresso il desiderio che l’esperienza possa continuare e concludersi con un certificato degno di una formazione professionale. Per il raggiungimento degli obiettivi il Centro deve assicurare una formazione di due anni.